composizioni

 

“I bijoux non sono fatti per dare alle donne un’aura di ricchezza, ma per renderle belle”. Dice bene Coco Chanel, le sue parole esprimono il concetto di gioiello che sostiene i miei lavori. Gioiello inteso nell’accezione se vogliamo più classica, dunque come ornamento. Come qualcosa di elegante e lineare, innovativo e calzante, pensato con l'ingegno e la sensibilità perché aderisca al temperamento di chi lo indosserà.

legami

 

Riuscire a conservare il passato nel presente è un modo per modellare se stessi anche attraverso la memoria della propria storia. Questo è l’assunto della linea Legami che vuole restituire nuova forma, e nuova vita, al vecchio gioiello di famiglia affinché non rimanga un ricordo chiuso in un cassetto o in una cassaforte, ma torni ad appartenere davvero a chi lo custodisce. Un progetto a suo modo sostenibile: il “riciclo prezioso”.

sintonie

 

Non solo oro e pietre ma pizzi e merletti cuciti d’oro e ornati di pietre. Il metallo si fa sottile, un filo che simbolicamente (col)lega, e fa dialogare, forme e materiali, storie e culture, passato e presente. Una tecnica funzionale al significato che gli oggetti vogliono veicolare, alla sintonia che si vuole stabilire tra frequenze diverse grazie a una tonalità comune. A un filo conduttore che cuce insieme le parti.